Pagine

giovedì 9 gennaio 2014

La demenza dei saldi!




L'aspettativa che precede il momento dei saldi è piena di progetti, organizzazione, fasi emotive che variano dall'eccitazione, alla contentezza, ma che ben presto si concludono nella delusione, rabbia e ideazione assassina, con finale a sorpresa: acquistare il tutto e per tutto, anche se non in saldo, con conseguenti sensi di colpa e ammissione di demenza.
Ebbene si! 
Aspettiamo tanto l'arrivo dei saldi, stiliamo liste di capi da acquistare, dopo aver valutato e confrontato. E dopo esserci innamorate di capi, che al momento del full price ci sembravano inaccessibili o non necessari, dopo diversi sopralluoghi e rimandi, giungiamo in negozio cariche e piene di desiderio.
Avete notato, però, che una volta sopraggiunto il giorno X,  dentro quel negozio, tra vestiti ammassati, commesse deliranti e acquirenti esaltate, non riusciamo più a raccapezzarci, a trovare quello che, solo fino a qualche settimana prima, ci sembrava accattivante, quel capo che bramavamo e aspettavamo trepidanti ad un prezzo più basso?
Attorno alla parola saldi aleggiano misteriosi dilemmi, così  l'illusione di fare l'affare giusto, di risparmiare e di acquistare ciò che avevamo in mente si scontra con una convenienza fantasma e palese presa per i fondelli. 
La mia missione saldi si è conclusa.  
Il resoconto è amaro e triste. Meno triste di luglio. Ma pur sempre deludente.
Cosa ho capito?
1- Li chiamano saldi stagionali e sarebbe bello capire a quale stagione si riferiscano, perché appese alle relle di tutti i negozi ho visto solo cose estive, vecchi residui di magazzino e tanti tanti orrori malfatti e riesumati dal secolo scorso.
2- Un capo in saldo con un prezzo dimezzato di soli 10 euro io lo chiamo per quello che è: presa per il culo!
3- Comprerete ciò che non è in saldo. E' una conseguenza al punto 2, ben più che lecita, visto che, almeno, alla presa per il culo, preferirete un acquisto più intelligente e sicuramente migliore del golfino infeltrito di 2 stagioni fa.
4- Non importa che voi decidiate pre tempore cosa acquistare, che voi abbiate effettuato delle spedizioni preventive allo scopo di organizzare al meglio il vostro shopping, perché quel giorno lì, in quella baraonda, potrete ritenervi fortunati se riuscirete a trovare la via di fuga  per  scappare a gambe levate e salvarvi dall'acquisto di quelle pezze di cui vi ho parlato al punto 1.
5- Infine, malgrado tutto, una volta entrati da Zara, acquisterete lo stesso qualcosa. 
Questo resta il più grande mistero, insieme al fatto che lamentele a parte, continuiamo ad attendere i saldi trepidanti come sempre, stagione dopo stagione, demenza dopo demenza.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...