Pagine

lunedì 12 marzo 2012

Raffreddori di fine stagione, detti popolari e raccomandazioni.



Odio il raffreddore! Soprattutto odio l'essermelo procurato da sola.
Se si trattasse di quell'ultimo virus isolato e solitario di fine stagione, potrei anche accettarlo; accetterei la sua ultima residenza nel mio corpo, prima di sloggiare verso zone più fertili e favorevoli,  arrendendomi alla sua fatalità!
Se, invece,  il naso sgocciolante e il cerchio alla testa derivano da un  unico errore di valutazione, da quello slancio di euforia per quel raggio di sole un pò più caldo, allora DEVO prendermela solo con me stessa.
"Tu che con fare spavaldo hai tolto il collant e hai lasciato il cappotto appeso, triste, alla gruccia, sfoderando un giubbino figo, ma troppo troppo corto!
Tu che, poi, hai percorso  le vie del centro pensando che era la serata perfetta, avresti dovuto saperlo che, il famigerato colpo d'aria, quasi  stesse aspettandoti, era lì, voltato l'angolo. Una subdola corrente d'aria era in agguato, pronta a colpirti  dritto al tuo tallone d'Achille: la gola! Lì  dove una settimana fa si posava dolcemente una calda sciarpa.
Si, perchè nella tua coraggiosa presa di posizione contro quell'ultimo strascico di inverno, l'hai lasciata a casa a far compagnia al resto.
Adesso come ti senti a tirar su con il naso, mentre a pochi passi dalla primavera ancora mandi giù litri di paracetemolo, dando fondo alle riserve di fazzoletti della famiglia e avvolta nei tuoi 10 strati di indumenti avanzi per casa come un clochard?
Meriti di  sentire i commenti di tua madre che continua a ripeterti "Te lo avevo detto!"
Meriti che la famiglia intera si apra a metà, come le acque di Mosè, al tuo passaggio.
Come se non bastasse, ad ogni incontro con lo specchio, balzi in aria, stentando a riconoscere i tuoi capelli, ridotti ad un ammasso di grovigli informe, e il tuo naso, oramai color Tangerine Tango, che, sebbene sia il color trend della nuova stagione, avresti preferito indossarlo ai piedi su un bel paio di décolletés, o sottobraccio, su una clutch, ma MAI sul naso!
Bene, almeno consolati, finalmente arriva l'amata primavera e questo è l'ultimo contatto che avrai con l'odiatissimo inverno.
Ma sappiamo che ami stupire. Se non ricordo male eri tu quel ferragosto  davanti al falò in apnea!
D'ora in poi fai tesoro dei tuoi errori e, alla prossima mattinata mite di fine inverno, tieni  in mente l'escursione termica che alla sera non perdona.
Ricordati, altresì, che i detti popolari hanno sempre un fondo di verità e se la tua nonna e la tua mamma in coro ti ripetevano: "Aprile non ti scoprire, Maggio non ti fidare, a Giugno fai quel che ti pare!"  pensa che siamo ancora a marzo e marzo, si sa, è pazzerello "spunta il sole e tira fuori l'ombrello".
Se, poi, pensi che ieri è passato di qua il ciclone Gioacchino e oggi ci siamo svegliati con il sole, direi che le sue follie non sono ancora terminate".

Adesso mentre ripeto il conteggio sui giorni già trascorsi dal mio primo etciù, e mi chiedo se sono sulla via della guarigione, nella mia testolina si affaccia una nuova domanda: sarà meglio aspettare ancora qualche giorno per fare uno shampoo...eeeeeeee..etciù! Direi di si!

sabato 10 marzo 2012

LA RIVOLUZIONE DELLE OMBRE SULLE UNGHIE: EFFETTO DEGRADE'

Direttamente dalla Fashion week arriva una tendenza per le unghie molto curiosa.
Dopo le varie french manicure: classica, reverse, double.
Dopo i colori più trend, passando per le unghie total nude, arrivano gli effetti speciali delle ombre.
Un colore  base, sfumature, passaggi dalle gradazioni più scure fino a quelle più chiare, creando un effetto degradè, e all'occasione anche a contrasto.
Due le versioni più in voga.
La prima si ottiene giocando con due tonalità, una più scura e una più chiara, l'una fa da base a tutta l'unghia e l'altra si applica con una spugnetta solo sulla parte superiore tamponado o tirando leggermente il colore per creare un effetto che può andare ad intensificarsi o a schiarirsi.
Tutto l'effetto si mantiene uguale per tutte le unghie.





La seconda versione vede il colore gradualmente schiarito o intensificato da un'unghia all'altra. Lo si può ottenere, senza bisogno di avere tante tonalità diverse dello stesso colore, sempliemente partendo da una tonalità scura che via via si schiarisce aggiungendo uno smalto bianco, nella quantità che ci permetta via via di ottenere unghia dopo unghia una tonalità sempre più chiara.



Lauren Conrad l'ha esibita in diverse occasioni e in varie colorazioni.



Ma naturalmente non è l'unico trend.
La moda ci suggerisce sempre unghie colorate, ma metallizzate e nei toni del blu: "the new black"!

Frenche manicure svariate, double e impreziosite da stacchi di colore e da glitter o brillantini.



Si gioca sempre con la French e con smalti anche mat per un effetto a colore unico, ma particolare ed elegante, anche osando con il nero.

E poi  nails art più pazze: a scacchi

o arcobaleno, giocando con una tavolozza intera di colori.


Per chi ama osare, o per occasioni speciali, ma soprattutto per chi è esente da pulizie casalinghe o da qualsiasi attività manuale (visto il lavoro certosino), ecco una manicure totalmente glitterata.
Infine unghie trasparenti come vetro.

E voi quale manicure preferite sulle vostre unghie?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...