Pagine

mercoledì 27 febbraio 2013

#Outfit - A Sicily Sunday!



Domenica scorsa, nella mia splendida città, il sole era particolarmente caldo per essere una giornata di febbraio.
Era la classica domenica di inizio primavera e, uscita in terrazza, ho subito avuto conferma di questo risveglio naturale. Ogni pianta aveva pian piano abbandonato il suo torpore. Le ho viste lasciarsi scaldare dal sole e ho sentito il profumo delle prime gemme di zagara disperdersi nell'aria. 
Anche Tigro si è lasciato coccolare dalla mite temperatura e, con l'occhio sornione, si è goduto questa splendida e inaspettata domenica. 
Io con loro prendevo atto di che splendida cosa è vivere in un posto tanto meraviglioso. E naturalmente ho approfittato per scattare delle foto molto "bucoliche" al mio Outfit del pomeriggio.

Jacket : Stradivarius
Shirt: Stradivarius
Leggins: Tezenis
Boots: Koan
































lunedì 25 febbraio 2013

Wrangler Denim Spa! La crema nel Jeans!

Il Denim è il tessuto più comodo in assoluto, non per niente il jeans è il capo più indossato e venduto di tutti i tempi. 
Se a questo aggiungiamo le proprietà idratanti dell'olio di Jojoba, l'aloe vera e l'estratto di olio di oliva, otteniamo la perfezione di un capo che ci regalerà pelle effetto seta.
Wrangler è l'ideatore di questa diavoleria che ci farà perdere la testa.
I wrangler denim jeans escono con la collazione primaverile e in Italia dovremmo trovarli nei negozi già dalla fine di febbraio.


Il prezzo è di 100 euro.
La durata dell'effetto idratante 7/8 lavaggi. Ma una volta esaurito si può ricaricare, il costo del flaconcino spray è di 6 euro, per restituire al tessuto l'effetto beauty.
Non so se valga la pena effettuare un acquisto di tal genere solo per le sue proprietà idratanti, ma se calza come calza alla testimonial Lizzy Jagger, allora, andrò quanto meno a provarli!



Oscar 2013: l'occhio al Red Carpet!


Si è appena concluso uno degli eventi più paparazzi dell'anno: la notte degli Oscar!
Naturalmente l'attenzione a questo grande evento si è focalizzata soprattutto sul red carpet, la prestigiosa passerella che per 150 metri conduce al teatro in cui hanno luogo le premiazioni.
E da questa passerella anche quest'anno sono passati abiti meravigliosi, sorrisi splendenti, alcuni tiratissimi, altri postbotox. Mentre noi da casa giocavamo al toto scommesse sulla consegna della splendida statuetta, le tv americane prendevano d'assalto le celebrità per accaparrarsi per prime informazioni sugli abiti indossati. Le discussioni di più alto grado culturale le ho viste proprio animarsi su quel tappeto vermiglio.
Non sarò da meno io, quindi preparatevi alla sequenza di immagini e ai relativi commenti. Ecco gli outfit delle stars con tanto di voti (secondo me):

Questo è stato il Red Carpet dei Colori Nude ( bianco, rosa cipria, panna, grigio perla)

Anne Hathawy in uno splendido vestito color cipria di Gucci che nulla lasciava all'immaginazione,  non mi è piaciuta la scelta dei capezzoli a vista. Proprio per nulla! In compenso il girocollo Tiffany era meraviglioso.
Voto 6

 Jennifer Lawrence ritira la statuetta come miglior attrice protagonista e come Best dress in un meraviglioso abito di Dior!
voto 9

Amanda Seyfried ha classe da vendere avvolta in questo abito color ghiaccio con inserti in pizzo e strascico. By Alexander McQueen
Voto 8 e mezzo
Abito chiaro Reem Acra  per Kristen Stewart, che malgrado le stampelle porta con molta disinvoltura e classe.
Voto 7
Splendida Amy Adams. Un vestito grigio perla di Oscar De La Renta molto sognante. Uno dei miei preferiti.
voto 8
Meraviglioso abbinamento di colori per Jessica Chanstein. L'abito richiama perfettamente la chioma ramata e la pelle diafana mette in risalto il luccichio di un abito di Armani molto particolare.
Voto 9-
Charlize Theron elegantissima in un Dior bianco gesso.
Voto 7



E'  stato l'anno del Red Carpet oro e argento, per un effetto metallic:

Sandra Bullok sembra una sirena e vince con la scelta di questo abito Elie Saab.
Voto 7



Naomi Watts in argento Armani con un particolarissimo scollo sul seno.
Voto 7 e mezzo,
Alle Barry in oro/argento e stripes vetricali.
Bella e geometrica in Versace.
Voto 7  

Heidi Klum è incommentabile!
Voto 3

Catherine Zeta Jones luccica come un ferrero rocher  di luce propria oscurando anche il marito M.Douglas!
voto 7-
Oro e nero di Wren Scott  per la Kidman, troppo fetish.
Voto 6-
Ed è stato il Red Carpet del guizzo di colore, qua e là:
Un luminosissimo abito Miu Miu impreziosito sul corpetto rende meravigliosa Kerry Wanshington.
Voto 8-
Jennifer Aniston, Non mi dite che non riconoscete questo rosso, Valentino of course!
Voto 8


Reese witherspoon porta una nota di colore molto glam di Louis Vuitton , ma  non tanto da valorizzarla quanto merita.
Voto 6 e mezzo

Blu, di Armani Junior, anche per la piccola Quvenzhan Wallis, si dimostra molto attenta alla moda e alle sue inseparabili borse a cagnolino. dimostra più della sua età però.
Voto 5- 


Giallo e oro Versace per Jan fonda! Ma come fa ad essere sempre più splendida? ah già, il botox!
Voto 6
E il classico nero, non è mancato:
Adele vince con Skyfall e vince sul red carpet con un abito Jenny Packman che accoglie le sue curve con estrema eleganza.
Voto 8

La mia coppia preferita. I Burton!
 Dissacrante, tetra, come uscita da un loro film. Vincono in simpatia e bravura, ma il vestito della Bonham Carter, anche se di Vivienne Westwood, su di lei è proprio out.
Voto 4

E adesso i "veri" vincitori:


Miglior film: Argo di Ben Affleck

Migliore attrice protagonista: Jennifer Lawrence per Il lato positivo

Miglior attore protagonista: Daniel Day-Lewis per Lincoln

Migliore attrice non protagonista: Anne Hathaway per Les Misèrables

Migliore attore non protagonista: Christoph Waltz per Django Unchained

Miglior regista: Ang Lee per Vita di Pi

Migliore sceneggiatura originale: Quentin Tarantino per Django Unchained

Migliore sceneggiatura non originale: Chris Terrio per Argo

Miglior film in lingua straniera: Amour (Austria)

Miglior film d'animazione: Ribelle - The Brave di Mark Andrews e Brenda Chapman

Miglior fotografia: Claudio Miranda (Vita di Pi)

Migliori effetti speciali: Bill Westenhofer, Guillaume Rocheron, Erik-Jan De Boer e Donald R. Elliott (Vita di Pi)

Migliori costumi: Jacqueline Durran (Anna Karenina )

Miglior montaggio: William Goldenberg (Argo)

Miglior sonoro: Andy Nelson, Mark Paterson e Simon Hayes (Les Misérables)

Miglior montaggio sonoro: Per Hallberg e Karen Baker Landers (Skyfall) e Paul N.J. Ottosson (Zero Dark Thirty)

Migliori trucco e acconciatura: Lisa Westcott e Julie Dartnell (Les Misérables)

Migliore colonna sonora: Mychael Danna (Vita di Pi)

Miglior canzone originale: Adele Adkins e Paul Epworth (Skyfall)

Miglior scenografia: Rick Carter e Jim Erickson (Lincoln)

Miglior cortometraggio: Curfew di Shawn Christensen

Miglior cortometraggio animato: Paperman di John Kahrs

Migliore documentario: Searching for Sugar Man di Malik Bendjelloul e Simon Chinn

Migliore cortometraggio documentario: Inocente di Sean Fine e Andrea Nix Fine

domenica 24 febbraio 2013

Un' eterna indecisa!

 
Sono davanti al mio armadio, immobile, cosa scelgo, gonna o pantalone?. 
Sono davanti allo specchio indecisa tra il truccare di più gli occhi o le labbra. 
Sono davanti ad un menù, tra la scelta di una pizza o un filetto ai funghi.
Sono davanti ad una scatola di cioccolatini e non so quale scegliere.
Sono io e davanti ad una scelta non ho mai la risposta pronta. Sarà perché non mi piace l'idea di dover rinunciare a qualcosa, l'idea di non aver scelto anche l'altra opzione. 
Certo, quando si tratta di scegliere tra dolce o salato, nero o bianco, jeans o leggins, ti consoli pensando che tutto sommato sceglierai la seconda opzione, la prossima volta.
Ma se si tratta di scegliere tra una meta e l'altra, tra un cambiamento e un altro, tra il bene e il male, tra il male peggiore, tra scelte simili o completamente opposte?
E se si tratta di scegliere tra opzioni che non ti convincono, non ti rappresentano, non avresti mai preso in considerazione, perché poco convincenti o ancora peggio, a cui non dai fiducia alcuna?
...
Sono a casa in vestaglia, è domenica. 
Oggi si vota. Ma la sensazione di indecisione mi tiene inchiodata a casa.
Lo so che dovrei andare a votare con la coscienza pulita, con la scelta nel cuore, con il sorriso di chi sta dando il suo contributo. 
Ma non riesco ad essere tanto consapevole questa volta. 
Oggi, in questa domenica di elezioni io sento solo una gran confusione e mi fa strano pensare che attorno a me c'è chi ha già deciso, sicuro e fiero della sua scelta. 
Io non riesco ancora a scegliere, non riesco ancora a dare il mio voto a chi penso che ancora una volta non gli darà il peso della responsabilità che io provo adesso, adesso che, forse, ho preso una decisione.
Andrò a votare! E' giusto, è un dovere e un diritto. Ma non chiedetemi cosa mi aspetto, non chiedetemi cosa scegliere in questo mare di proposte, idee, ideologie e parole. 
Io spero solo, stavolta, di non dover scegliere la seconda opzione, domani.




mercoledì 20 febbraio 2013

#Style - Il Cappotto rosso.



 Come quando fuori pioveva 
e tu mi domandavi  
se per caso avevo ancora quella foto 
in cui tu sorridevi e non guardavi,
ed il vento passava sul tuo collo di pelliccia e sulla tua persona;
e quando io, senza capire, ho detto sì.
Hai detto "È tutto quel che hai di me".
È tutto quel che ho di te. 
 (Francesco De Gregori, Rimmel)




Cappotto  by H&M


#makeup - Vernis à levres. YSL


Concedersi un regalo ogni tanto non fa male!
O almeno questa è la giustificazione che ho dato a me stessa per questo nuovo acquisto, non proprio economico. 
Pur amando tantissimo i rossetti e le labbra colorate, prediligo di più truccare gli occhi, così mi ritrovo a passare un veloce velo di burrocacao o di rossetto nude, al massimo un gloss per completare il trucco già carico sugli occhi.
A questo prodotto, però non volevo rinunciare.
Dopo vari pellegrinaggi da Sephora, prove, occhi languidi, e corteggiamenti vari, alla fine ho ceduto, complice lo sconto del 15%. Così in un colpo solo ho aquistato un mascara (shocking) e una tinta per labbra, tutto Yves Saint Laurent.





Parliamo di una tinta e non solo. 
Tinge le labbra come una vernice, l'effetto è laccato, la consistenza morbida e vellutante. 
Diresti che è un gloss per la lucentezza e l'effetto bagnato. 
Diresti che è un rossetto per la sua cremosità. 
Diresti che è una tinta per la sua durata prolungata e la resistenza a cibi, bevande e tante chiacchere. Meno resistente ai baci, la parola in questo caso va a Lui che odia ritrovarselo sulle labbra, ma conferma anche lui l'effetto idratante oltre che l' iperpigmentazione.
Ma profuma troppo per i miei gusti!
Esiste in numerose colorazioni. Io ho scelto un bel color ciliegia, numero 25.


Contro: rispetto ad altre tinte non è propriamente no-trasfert, perciò se avete in mente serate romantiche mettete un altro prodotto o optate per un semplice burrocacao. Profumazione eccessiva.

Pro: lunghissima durata, labbra effetto specchio, idratazione, colore brillante. 
Prezzo: 27.50 euro
Voto: 7



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...