Pagine

venerdì 1 marzo 2013

Salva anche tu il Capello sfigato!


30 anni, vari suicidi sociali, ma alla fine ho scoperto la verità. 
Finalmente risolvo il dramma del capello sfigato!
Vi ho già raccontato le varie peripezie sui miei capelli, adesso, invece, voglio svelarvi i segreti che ho appreso e le piccole accortezze che sto adottando da un pò di tempo a questa parte e che finalmente hanno restituito dignità alla mia chioma! Sono pochi steps, raccolti sulla base della mia esperienza, quindi assolutamente soggettivi. Alcune di voi probabilmente li conoscono già, e per questo vi invidio, sappiatelo, vi siete risparmiate anni di depressioni post-shampoo.
Per tutte le altre che ancora lottano con una chioma che non risponde, leggete e prendete nota.

1-Il LAVAGGIO: Pochi shampoo e poco shampoo, la regola del cucchiaio.

Ho scoperto che lavare i capelli troppo spesso o con troppo prodotto tende ad alleggerirli, e a rendere difficoltosa la messa in piega. Perciò puliti si, ma senza aggredirli.

Ricordate, che a meno che voi non lavoriate in miniera quando fate lo shampoo non avete bisogno di versarvi in testa un'intera bottiglia di prodotto. A prescindere dalla lunghezza o dal tipo di capelli, potete regolarvi pensando alla quantità di un cucchiaio per lo shampoo e a quella di un cucchiaino per il balsamo Quindi se siete per il doppio lavaggio dividete questa quantità per due. Io preferisco un unico lavaggio, perchè come detto sopra, non lavorando in miniera lo sporco da eliminare non va combattuto con un'esplosione nucleare, ovvero con un'eccessiva dose  di agenti altamente aggressivi o irritanti.

2- I PRODOTTI:  Silicon Free!


Scegliere i prodotti giusti non è cosa semplice. Spesso andiamo di fretta e compriamo shampoo e balsamo al supermercato, non badando troppo agli ingredienti e fidandoci  di pubblicità ingannevoli e risultati dubbi. Solitamente, infatti, ai primi lavaggi, ci sembra di aver trovato il prodotto must have, ma dopo un mese i nostri capelli sono similpaglia.

Prima di trovare i prodotti che attualmente sto amando ne ho provati molti ma dagli effetti deludenti. Poi ho deciso di fare più attenzione agli ingredienti e ho iniziato ad eliminare tutti quei prodotti in cui presenziavano siliconi ( tutti gli ingredienti che finiscono in -one -xane) Non sono maniaca del bio e non faccio ricerche scrupolose e ossessive, scannerizzando il retro di ogni flacone, ma sto un pò più attenta e i risultati ci sono tutti. I miei capelli adesso sono lucidi, morbidi e setosi. Prediligo i prodotti Garnier o acquisto on line( per esempio su ecco-verde)
E faccio una maschera alla settimana, uso Capelli d'angelo di Lush e non posso più vivere senza!

3- Dalla DOCCIA al PHON: I  3 MAI!


MAI strofinare, sfregare, frizionare i capelli bagnati, ma Tamponateli soltanto.

MAI pettinare i capelli bagnati con un pettine/spazzola in plastica, perchè dopo non si torna più indietro e nemmeno la piastra potrà mettere a posto quei 4 peli verticali sul vostro scalpo, vi accompagneranno per tutto il tempo, e la gente si chiederà se voi abbiate messo le dita nella presa elettrica o i capelli nel frullatore. 
Piuttosto, si dice che il legno abbia il semaforo verde, ma IO per sicurezza non li pettino proprio, preferisco passare le dita a "pettine" durante l'asciugatura.
MAI asciugare i capelli a testa sotto, a meno che voi non vogliate volume, perchè è quello che otterrete, tanto, troppo volume.

4- ASCIUGATURA: i watt e i cm che contano!

Avete mai prestato attenzione al wattaggio del vostro phon? IO non ci avevo mai pensato e invece, a quanto pare, è fondamentale. Per evitare l'effetto crespo ed elettrizzato dei capelli il vostro phon deve avere un wattaggio non inferiore ai 1800 watt. 

E infine,  la distanza fa la differenza: sempre secondo la mia esperienza, riducendo la distanza del phon dalla chioma, si evita l'effetto elettrizzato. Solitamente tengo il fon a circa 10cm. L'importante è non fissarsi su un punto ma avere la "mano ballerina", altrimenti non avrete più capelli da lavare e asciugare la prossima volta.





Naturalmente invito a "provare per credere" e soprattutto vi invito a condividere qui sotto tramite commenti i vostri segreti! Salviamo il capello sfigato! Restituiamogli dignità! XDD











3 commenti:

Cristina ha detto...

Tutte cose e procedure da me già adottate ;)
Ti aggiungo una cosa però!
Lo shampo meglio ancora se diluito con acqua, io lo metto in un erogatore (50% shampoo, 50% acqua)
:)

Il mio paiolo magico ha detto...

Io ho preso l'abitudine di diluire lo shampoo cn acqua in modo tale da non applicare direttamente il prodotto sul cuoio vapelluto...e' meno aggressivo!

ellie ha detto...

questi si che sono suggerimenti utili, io sono anni che provo a salvare i miei capelli!
un abbraccio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...