Pagine

venerdì 14 marzo 2014

What do women want? They want to know what men want!


Troppo spesso li vedo parlarsi una lingua straniera e incomprensibile, li osservo arrancare nel vano tentativo di farsi comprendere e di comprendere. 
Sono uomo e donna, abitanti di 2 pianeti diversi, l'uomo da Marte, le donne da Venere, diceva qualcuno.
Entrambi però si arrovellano attorno ad una domanda comune: cosa vuole l'uno e cosa vuole l'altra?
Cosa realmente cercano un uomo e una donna reciprocamente, cosa si aspettano di trovare nel loro partner. Cosa accende la loro curiosità, il loro interesse, la loro motivazione alla conoscenza, all'intraprendere un "percorso" insieme, se vogliamo dirlo alla mariadefilippese.
Insomma alla domanda "What do Women want?" hanno cercato di rispondere in tanti. Ha iniziato a chiederselo l'uomo nel momento in cui Eva gli propose la mela, se lo è chiesto Leonardo ritraendo la Gioconda, probabilmente se lo è chiesto anche Antonio durante il suo flirt con Cleopatra.
La psicoanalisi intera con Freud si è arresa al fatto che probabilmente una risposta non c'è.
Mel Gibson riusciva a sentire i loro pensieri, precedendole nei loro bisogni, e forse questa è la chiave.
Forse.
La verità è che a questa domanda nemmeno una donna sa rispondere. 
Sapete perché? Perché quello che una donna vuole, davvero, è rispondere ad un'altra domanda: 
What do men want?
Ne ho parlato con amici uomini. Ne è venuto fuori che noi donne siamo talmente complicate, da poter essere paragonate a un caleidoscopio, per la velocità con cui cambiamo decisioni, idee, comportamenti. Insomma siamo uterine e lo sappiamo bene. Combattiamo tutti i mesi con i nostri sbalzi ormonali e umorali e non abbiamo certo bisogno che qualcuno ce lo sottolinei. 
Come un caleidoscopio siamo fatte di strutture molteplici, intricate e variabii.
Siamo complicate, è vero.
D'altra parte voi cari uomini siete tutt'altro che semplici.
E dinnanzi alla domanda, restate sbigottiti, anche voi,incerti e dubbiosi, circa la risposta detentrice del grande segreto, in grado di risolvere secoli di incomprensioni e relazioni catastrofiche tra i due sessi.
-"Cosa vogliamo noi uomini?"
-"Siiii.  Che cavolo volete?"
Siamo intraprendenti e vi spaventiamo. 
Siamo sfrontate e siamo Bottane industriali.
Siamo clericali e siamo cornute.
Siamo dolci e gentili e siamo sorelle.
Siamo amanti per una notte e diventiamo scope per la vita.
Siamo intelligenti e simpatiche e siamo delle cesse a pedali.
Siamo bionde, curate e truccate e siamo oche giulive.
Insomma come ci volete? 
Cosa volete da noi?
…..
…..
…..
Encefalogramma piatto.
…..
….
Cenni di attività neuronale.
…..
…..
Riparte l'attività cerebrale.

(Sesso, sessuale, sexy, sesso, sesso, sess…sso, quando?, sessoooo)
-"Ah. Dove eravamo? Ah! Cosa vogliamo?"
..Vogliamo che ci facciate sentire forti, intelligenti, capaci…(e allora?…sesso…).

……..
encefalogramma piatto.
 Il mio.






3 commenti:

Carmelyta ha detto...

Pura verità! In qualunque modo ti conci, in qualunque modo sei.. è sempre sbagliato. Se ti trucchi.. allora "le donne troppo truccate sono finte" .. se però non ti trucchi....... te ne dicono di ogni! Simpaticissimo questo post.. :)

Chic Che Non Impegna ha detto...

Io ho sempre pensato di che non esistono queste regole, molto più semplicemente bisogna essere reali, quelle che si è... È un fattore d incastri, come un puzzle basta trovare il tuo pezzo vicino che si incastra perfettamente con te per quello che realmente sei.
Un bacio!

Camelia Flower ha detto...

verissimo, certe volte sembra di parlare due lingue totalmente diverse, eppure noi crediamo di esprimerci al meglio e la cosa bella è che ci arrabbiamo pure se non capiscono XD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...