Pagine

mercoledì 5 giugno 2013

Voglio conoscere il tuo segreto!



Avete presente quelle settimane iniziate con un lunedì orrendo, pieno di malinconici rimandi al weekend appena trascorso?
Sorpassato l'inutile martedì, arriverete al mercoledì pianificando già un fine settimana liberatorio.
Così, il giovedì, deciderete per il mare.
Al venerdì avrete già messo la crema solare in borsa, affrontando i peggiori appuntamenti con sorriso beffardo, pregustandovi l'immagine di voi spalmate al sole, sul riflesso di acque simil laguna blu.
Si, ecco, avete presente quel sorriso beffardo?
Di lì a poco prima di salire in macchina, e guidare a tavoletta verso il mare, si sara' tramutato in un ringhio a bocca serrata, gli occhi sognanti saranno diventati sguardi rabbiosi, non appena avrete scoperto che, chi non era stato invitato, vi fa ciao dalle vostre mutande!
"Eccomi!!"- sembra dire squillante- " Vengo anche io!" - e non fai in tempo a rispondere alla maniera di Jannacci "E tu no!!!" - che uno spasmo di fitte ti ha già tolto il fiato, mentre il tuo weekend ti saluta allontanandosi in una fumata nera.

E come non annoverare quella volta che, partita finalmente per quella settimana in Spagna, dopo solo 2 giorni di movida, chupiti e allegre passeggiate per la città, sei stata sorpresa da quell'ospite inatteso che a tradimento ha preso il tuo stesso aereo, decidendo di farti compagnia per le restanti giornate oramai "macchiate" da quella traditrice scarlatta!

E parliamone, di quella volta in cui una serata romantica si è improvvisamente trasformata in un film splatter!

Dulcis in fundo, i brutti scherzi, giocati alle vostre spalle, dallo stesso burlone, in situazioni pubbliche e al cospetto di sconosciuti, in luoghi in cui non avreste mai immaginato essere catturati da una tremenda e improvvisa voglia di sparire!

E allora cosa vuoi che siano, in fin dei conti, gli sbalzi d'umore, l'innaturale rabbiosità isterica che sembra contraddistinguervi in quei giorni, il sentimento costante di odio verso tutto e tutti, i bubboni sparsi sulla faccia e gli outfits programmati ad hoc, solo per confonderti e nasconderti agli sguardi indiscreti e soprattutto ai tuoi e il fatto che i tuoi programmi in agenda saltino come palline da tennis impazzite?
La bomba è già stata innescata. la miccia è accesa.
Il peggioramento dello stato generale è talmente avanzato che, vorresti solo maledire la tua condizione femminile e, ancor di più, quell'essere, sprovvisto di ovuli e di qualche neurone che, guardandoti dall'alto del suo testosterone e con quell'imbecillità che lo contraddistingue in certi momenti, ti guarda con faccia interrogativa, chiedendosi se il tuo utero è ancora lì o ha fatto una rotazione di 180 gradi, causa di quegli scompensi che trova difficile comprendere, tanto quanto capire che restare in silenzio, per lui, in determinate circostanze è vitale, quanto lo è per un pesce restare in acqua!
E allora oramai è troppo tardi, non fai in tempo a ricordarti che passerà, che hai solo le tue cose, e ...BOOM!
La bomba è esplosa!
Ma del rapporto difficile che lega l'uomo a te in determinati giorni parleremo un'altra volta!
Quello che mi preme dire è solo una cosa.
Ci rifletto mentre i suoi brandelli sono ovunque e nell'aria c'è ancora odore di zolfo e pelle bruciata...
Mi rivolgo a te, ragazza della Lines, che con fare leggiadro  ti lanci in imprese titaniche, facendo parapendio, pesca subacquea, tiro con l'arco... ecco, dico io, ma giusto in quei cazzo di  giorni li?
Dove trovi la forza, lo slancio vitale, ma soprattutto l'ormone?
Mi basterebbe vederti resistere a fine giornata con un sorriso, mi basterebbe vederti mentre tiri fuori dalla borsa una busta viola al posto del portafogli, e con fare indifferente paghi il conto al ristorante, dove, naturalmente, hai appena mangiato.
Mi basterebbe conoscere il tuo segreto, che non è racchiuso in un pacco viola da 14 assorbenti.
Svelami il segreto, ragazza della Lines.
Dimmi come non hai raso al suolo casa tua, il tuo compagno e come hai resistito dal mandare a quel paese mezza città.
Come hai fatto? Come sei sopravvissuta a te stessa?
Come vivi, anche tu, quei cacchio di giorni al mese, sapendo che ti trasformerai in un cane a tre teste ad ogni cambio di vento,  superando esplosioni di ormoni?
Tu che trovi il tempo anche di fare bungee jumping e sfidi con le tue "ali" le leggi gravitazionali!
Fai Battiato di cognome?
Per me ti serve una cura, perché quei giorni lì, te lo garantisco, si sta di merda!


Cordialmente tua,
una donna.

2 commenti:

Daniela ha detto...

ahahahah bellissimo post! Che dire scrivi in un modo che mi cattura completamente :D spero che passi di qui la ragazza Lines così da spiegaci tutto questo suo entusiasmo perché io sono una di quelle donne , appunto, che soffre maledettamente quei giorni -.- un baciooo :P

Miki ha detto...

Al "fai Battiato di cognome" sono rotolata giù dalla sedia!!! XD XD XD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...