Pagine

mercoledì 27 aprile 2011

Ma ai matrimoni si divertono più gli sposi o gli invitati?

Oggi appendo al chiodo reviews e post modaioli e prendendo spunto dalle nozze più chiaccherate dell'anno rifletto un pò sul Matrimonio.
Molti pensano che la fine di una storia sopraggiunga con il fatidico SI, che il matrimonio sia la tomba dell'amore.
Io credo che siano i preparativi a mettere a dura prova la sopravvivenza di una coppia.
Mesi e mesi di preparativi rischiano di stroncare un amore sul nascere. Pensate a tutto lo stress a cui si sottopongono i nostri cari fidanzatini: scelte, decisioni che finiscono in discussioni: sulla Chiesa, sul locale. E poi, chi invitare? "Zia Tizia no, zio Caio nì, Sempronio e Pincopallo guai a sederli accanto!"
E poi ancora corri di qua e corri di là: "sistema casa, i mobili non arrivano, tua madre e tua suocera amiche per la pelle contro di te!
Le bomboniere, mai cosa più inutile fu inventata; raccoglitori di polvere, soprammobili senza un perchè, oggetti di cui non ci si ricorda più la proveninza! Si è capito che odio le bomboniere?
E il fotografo, dove lo mettiamo con il suo servizio pre- durante e post matrimonio?
Si comincia con la "ricostruzione": si chiamano a raccolta parenti, amici e testimoni, tutti attori e comparse del vostro amore e giorno per giorno si monta la location, si scattano foto, si gira il film della vostra vita insieme; mare, montagna, il luogo del primo appuntamento, tutto diventa fiction da impacchettare con la vostra canzone e se non l'avete, pazienza, potrete scegliere la vostra hit tra le hits del momento!
Momento su momento rivivrete ogni attimo per viverlo e riviverlo con amici e parenti (poveri loro!), come se i ricordi non bastassero!
Si scatta il giorno del si, a casa di lui, a casa di lei: si documenta tutto, scrupolosamente: l'arrivo del parrucchiere, vostra madre che piange commossa, vostro padre che nervosamente fuma una sigaretta, il cane che abbaia e il vostro sorriso/pianto isterico dell'ultimo minuto.
E così, uno scatto dietro l'altro, fino al momento più importante, il più atteso,il più magico. NO, non è il momento del si, quello sta in mezzo, parlo del momento in cui finalmente tutte le luci si spengono e restate TU e LUi, finalmente soli e lontani dai riflettori, vi riconoscerete di nuovo, e lì, forse, prenderete consapevolezza di tutto ciò che è successo.
Adesso siete sposati, state per cominciare una nuova vita insieme e chissà, se stress a parte, dietro quel trambusto ci sarete ancora voi.
Ma questo preambolo, un pò nefasto, è dettato solo da un pò di sano cinismo, quello che contraddistingue chi non ha ancora messo una fede al dito, come la sottoscritta, e può ancora permettersi di sbeffeggiare e criticare le "rollercoaster matrimoniali". Chissà, magari anche io un giorno sarò presa dai preparativi, intenta a scrivere e annotare sulla lista delle cose ancora da fare, con gli occhi a cuoricino aspettando che arrivi quel giorno per coronare il mio sogno ed essere la protagonista indiscussa della festa. O forse no?
Nel frattempo i protagonisti sono loro, due giovani mica qualunque, che preparano oramai da tempo un giorno che passerà alla storia: Lui, William, il principe dei sogni! Beh, si, forse un tempo, adesso, dopo qualche capello in meno, le orecchie al vento e il sorriso cavallino, sembra somigliare sempre più al caro Carlo, l'unica differenza è che lui riuscirà a sedersi su quel benedetto trono e spodestare  la "signora con il cappellino".
Lei, Kate, la furbona d'alta borghesia, che con il suo sorriso smagliante è riuscita a fare il suo ingresso a Bukingham palace e ad accalappiarsi l'ultimo scapolo d'oro, anche se, diciamoci la verità, Harry merita di più, ma, purtroppo per lui, è arrivato secondo!
Tutta l'Inghilterra freme aspettando il 29 Aprile dell'anno in corso, pochi giorni di attesa e tutto il mondo si unirà per spettegolare e chiaccherare su trucco e parrucco degli invitati d'onore.
E proprio gli invitati, alla fine, avranno la meglio perchè, si sa, ai matrimoni, se tutti i riflettori sono puntati sulla coppia, gli altri possono divertirsi in incognito.
Certo, nello sfarzo assoluto di questo matrimonio forse no, ma negli anonimi matrimoni nostrani non è vero che l'invitato medio si diverte più degli sposi?
Questi sono concentrati affinchè tutto vada per il meglio e su di loro grava un onere pesantissimo: fare in modo che nessuno si lamenti e ricordi questo giorno senza arricciare il naso.
Ma  cosa ricorderanno? piedi dolenti e troppi parenti da ringraziare!
Gli unici a godere realmente di tutto lo sforzo/sfarzo pre-matrimoniale saranno gli invitati, che a stomaco pieno, avvinazzati e imbellettati si lanceranno in balli sfrenati alla ricerca della preda papabile.
Eh si, diciamoci la verità, ai matrimoni si va anche e soprattutto per questo, cibo a parte, si va anche a scroccare un pò di compagnia e il più fortunato riesce a portare a casa una bella conquista e forse, chissà, il prossimo matrimonio sarà proprio il suo.
Dunque occhi puntati sull'Inghilterra, sui cappellini e sul velo bianco, il resto ce lo dirà il tempo, intanto tanti auguri agli sposi e un in bocca al lupo agli invitati!!!

1 commento:

Vanessa ha detto...

Ciao! Io ti posso parlare per me che sono sposata da quasi 5 anni e ti dico che mi sono divertita da matti e anche mio marito ci siamo goduti attimo dopo attimo quella giornata meravigliosa e mi ricordo ogni istante. Tutti mi dicevano "vedrai che sarai così agitata che ti scorderai tutto".... sarò strana io ma per me non è andata così.... si sono divertiti tutti, abbiamo ballato, scherzato, giocato..... lo rifarei altre 1000 volte :D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...